Ballottaggio amministrative, il candidato Pd a Sant’Antimo denuncia: il 15% degli elettori vende il voto. Forza Italia: intervenga il prefetto
Giugno 23, 2017
Lo stile inconfondibile del calciomercato del Napoli, nell’era De Laurentiis…
Giugno 26, 2017

De Laurentiis tira la cordata ad Agnelli, eletto con l’appoggio del presidente del Napoli a capo dell’Eca

Notizia fresca di giornata, Andrea Agnelli è il nuovo presidente dell’Eca. Dopo le votazioni per il nuovo Comitato Esecutivo alle quali hanno partecipato Juventus, Milan, Inter, Napoli, Fiorentina e Lazio, i 15 membri del board hanno eletto il numero uno bianconero come presidente. Agnelli succede a Rummenigge e automaticamente sarà confermato anche del Comitato Esecutivo dell’Uefa. Rimarrà in carica fino al 2019. In Italia ci dovremmo rallegrare che finalmente un nostro rappresentante diventa il capo di una tale importante organizzazione, ed è sicuramente cosa positiva, però non crediamo che a Napoli e in gran parte dell’Italia calcistica rivale della Juventus si gioisca più di tanto, dal momento che fino a pochi mesi fa qualcuno ipotizzava per Agnelli addirittura una radiazione dal calcio per rapporti intrattenuti con tifosi appartenenti ad organizzazione mafiose per questioni di sicurezza, biglietti e quant’altro. In Italia bisogna decidersi una buona volta e per sempre sul giudizio di certi grandi personaggi, perchè non è che se  la Juventus vince sei scudetti di fila, o una trentina abbondante fra quelli ufficiali e quelli revocati, dicendo che la maggior parte di questi successi sono pilotati, regalati, o persino rubati agli altri e poi i presidenti dei club concorrenti sono i primi ad avallare che la Juventus attraverso i suoi proprietari e le loro aziende, sponsorizzino la Fgci, quindi la nazionale e tutto il calcio italiano, settore arbitrale compreso,  salvo poi lamentarsene quando non si può fare a meno di notare una certa sudditanza psicologica degli arbitri verso la squadra bianconera o quando in nazionale vengono convocati sempre calciatori della Juventus a discapito dei calciatori delle altre. Ora si è fatto di più, non contenti del cosidetto potere juventino a cui tutti si rifanno per i loro alibi per giustificarsi con i propri tifosi, addirittura i grandi club italiani appoggiano lo stesso Agnelli e quindi la Juventus anche in ambito europeo, e in primis il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ben contento di farlo, che guarda caso con la Juventus ha sempre intrattenuto rapporti più che amicali, visto che gli cede a cuor leggero e a portafoglio pesante alcuni dei suoi migliori calciatori direttamente alla rivale e concorrente diretta, così tanto odiata dai tifosi partenopei. Insomma il grande romanzo del calcio ancora una volta ci regala un capitolo sorprendente, Agnelli da ipotetico mafioso del calcio a virtuoso presidente e rappresentantte non solo dei 20 club italiani di Serie A, ma di altre 200 e passa club europei. Ancora una volta la teoria della relatività generale di Einstein viene suffragata non solo nella fisica quantistica, ma persino nel becero, ma affascinante e popolarissimo quaquaraquà del mondo del calcio. Non finiremo mai di stupirci. Godetevi la conferenza stampa di Andrea Agnelli il grande, perchè se lo merita non fosse altro per le accuse che ha subito, evidentemente brillantemente superate, e magari lo avrà capito lo stesso De Laurentiis… Oh no?

Pippo Trio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *