Campania, oltre16mln per rafforzare i servizi pubblici per il lavoro
Marzo 15, 2018
SCRITTORI SCONOSCIUTI. “Diario di un reazionario” di Giuseppe Grillo: diciottesima puntata
Marzo 16, 2018

Napoli, quei bizzarri alibi su “scansopoli”, Var, rose e fatturati

Non è sicuramente questo il momento adatto per fare processi, anche perché il Napoli ha fatto fin qui un signor campionato, quindi non si tratterebbe di certo un  fallimento arrivare dietro alla squadra italiana più forte di tutti da sette anni. Il fallimento semmai sarebbe da ascrivere al mercato estivo, a quello invernale, al rinunciare di competere su competizioni che avrebbero potuto portare successi, alla gestione generale di tutta la stagione, non ultima la spinosa questione Reina che si protrae fin dalla cena della discordia alle visite mediche recenti del portiere ormai definitivo partente a fine stagione. Queste rispettivamente le vere responsabilità di società, allenatore e anche dell’ambiente mediatico locale che ha spesso avallato le politiche, le scelte e persino gli alibi. Da tutto questo a nostro giudizio  salviamo solo la squadra e la rosa tutta, che si è resa disponibile più del dovuto a remare tutti nelle stessa direzione, compreso chi sta in panchina e colpevolmente da parte del tecnico li fa marcire. Andiamo per ordine: in primis non se ne può più sentire parlare di Scansopoli ogni volta che la Juventus vince con una squadra inferiore… ma forse quando il Napoli vince di goleade contro le stesse squadre sarebbe diverso? Non è abbastanza logico che una squadra forte vince verso la più debole? Certo non sempre succede ma di sicuro chi lotta per vincere uno scudetto non si può permettere di perdere contro le piccole e questo vale per la Juventus e per il Napoli, che però a sua volta prima che i giornalisti locali parlino di Scansopoli pensassero al fatto che la Juventus non vince solo con le piccole, ma lo ha fatto pure battendo il Napoli in casa, quindi significherebbe che anche il Napoli si sia scansato? Chiaro che no e allora andiamo avanti. Parliamo di Var, dove tutti siamo d’accordo sulla sua utilità se usato in modo giusto, parsimonioso e soprattutto con dovizia di causa, siccome questo non è accaduto per un protocollo ancora confuso e allora si stabiliscano tutt’insieme le regole su come utilizzarlo, l’ideale sarebbe dare la possibilità agli allenatori o ai capitani di chiederne l’utilizzo per un massimo di tre volte, così come accade nel tennis anziché dare la discrezionalità di deciderne l’uso agli arbitri che hanno già  potere discrezionale della decisione finale, e poi permettere tramite grandi schermi la visione a tutti. Però non è che se adesso non funziona a dovere gli errori li fanno solo a favore della Juventus e non ad altri. Anche il Napoli è stato piu di una  volta graziato  dal Var, come ad esempio più di una volta la Lazio è stata danneggiata  e non solo a favore della Juventus, quindi incidendo sulla lotta scudetto, ma anche con il Cagliari falsando anche la lotta per non retrocedere, per non dire della Lazio penalizzata a sua volta per la lotta per un posto  in chanpions, per cui come si potrà notare, vale per tutti. Altri alibi a cui spesso ci si aggrappa nell’ambiente napoletano a cominciare dal tecnico sono quelli su rosa e fatturato. E allora noi ci domandiamo, ma siamo sicuri che il Napoli non avesse una rosa più che sufficiente per far fronte ad una stagione come quella che affrontano le prime sei di ogni campionato in Europa? Forse che il Napoli non avesse difensori che potessero subentrare all’occorrenza alla defezione o per far respirare i titolari?  Gente come Tonelli, Maksimovic, Chiriches, Mario Rui, lo stesso Maggio senza contare che si è ceduto a cuor leggero Strinic, non erano sufficienti a sostituire una tantum i difensori titolari? A centrocampo avere in panchina gente come Diawara, Zielinsky, Rog, Giaccherini non sarebbero bastati e avanzati per integrare i titolari? L’unico reparto veramente a corto di sostituti sarebbe l’attacco soprattutto dopo il doppio infortunio di Milik, e ancor di più dopo che due anni fa si è ceduto il miglior centravanti in Italia alla diretta concorrente. Non sarebbe bastato tenersi uno fra Zapata, Pavoletti che fu preso proprio a gennaio di un anno fa per compensare il primo infortunio di Milik? Invece poi che si fa? Non solo non si acquistano calciatori di qualità, pur avebdone le possibilità economiche di un fatturato di 307 milioni ma addirittura si cedono cinque fra i calciatori di cui sopra, Zapata, Strinic Pavoletti poi Maksimovic e Giaccherini, lasciando pure Inglese parcheggiato a Verona colpevolmente. Quindi sarebbe colpa della Juventus se il Napoli non si rinforza sul mercato? Sarebbe colpa della Juventus se il fatturato maggiore lo producono grazie agli investimenti e noi il nostro più che rispettabile fatturato lo lasciamo nel tesoretto di famiglia De Laurentiis? Vogliamo parlare della gestione del caso Reina, dei mancati acquisti di Verdi, Politano, e della telenovela Younes? Vogliamo parlare dei lamenti di Sarri sugli orari, sui terreni di gioco, su chi gioca prima o dopo? Delle soste della nazionale? Della sosta invernale? O che non c’e nai sosta e si gioca ogni tre giorni? Che le coppe sono una follia? Salvo poi essere presuntuosi paragonandosi al Barcellona, City, all’Olanda quando non si superano nè il girone di Champions e neanche si superano o quarti  di coppa Italia o i sedicesimi di Europa League? Nessuno avrebbe detto male del Napoli se non si accampassero queste scuse puerili e a maggior ragione nessuno non avrebbe rispettato il gran campionato fatto, se invece di magnificare il nulla si ha anche la prosopopea e di essere sgarbati in conferenza stampa. Ora visto che c’è ancora tempo perché la matematica non condanna, stessero tutti zitti così come sta facendo il  presidente consapevole di tutti gli errori voluti innanzitutto da lui e si cercasse di giocarsi e ultime c chance senza altre sterili polemiche a cominciare dalla stampa locale che sin dal mercato di Agosto fino agli ultimi degli alibi ha avallato qualsiasi scelta dell’allenatore e politica societaria. Ora un pò di onestà c intellettuale non guasterebbe, anche perché adesso qui o si fa l’Italia o… avete detto e continuerete tutti a dire una marea di cazzate!

Pippo Trio


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *