Pd allo sfascio, Orlando e Boccia tengono viva la fiamma della discordia interna
giugno 13, 2018
Governo e migranti, Salvini detta la linea: Di Maio Flop, Fico e Di Battista pronti a chiederne la testa
giugno 11, 2018

Suk del Vasto, lettera aperta a De Magistris dal Comitato dei residenti

Gli aderenti al Comitato del quartiere Vasto a Napoli scrivono al sindaco per denunciare le condizioni di invivibilità quotidiana in cui è precipitata tutta l’area intorno alla Stazione centrale e lo invitano a stare una settimana insieme a loro mettendo a disposizione le proprie case. Una proposta provocatoria che serve a segnalare per l’ennesima volta le condizioni di disagio in cui sono costretti a vivere sperando in un intervento di Palazzo San Giacomo non più derogabile.

 

Lettera invito al sindaco Luigi de Magistris.

Caro sindaco, i sottoscritti cittadini napoletani e residenti del quartiere “VASTO” della zona di “PORTA NOLANA” è piazza “Garibaldi” sono ormai al limite della vivibilità diurna e notturna a causa della massiccia presenza di extracomunitari, tra i quali vi sono elementi che si comportano in completo spregio delle più elementari regole del vivere civile.
Questi fatti e questi comportamenti si uniscono alle già pesanti situazioni dovute alla presenza di micro e macro “criminalità” “nostrana” con le quali facciamo i conti, ahinoi, da sempre. Benché i nostri disagi siano ripresi dalle cronache cittadine quasi tutti i giorni, siamo certi che lei non si renda conto della gravità e della invivibilita’ a cui siamo costretti è sottoposti. Ne siamo certi perché non abbiamo mai ascoltato la sua voce, piu che presente sui temi a lei cari, in difesa delle nostre istanze che sono sfociate anche in una recente manifestazione di piazza più che partecipata.
Invitiamo per tanto lei, o in alternativa un suo delegato, a vivere insieme a noi per una settimana. Potrà così toccare con mano quali e quanti problemi si riversano nei luoghi frequentanti anche dai nostri figli tutte le volte che sono costretti a transitare per le strade del quartiere, quando non sono barricati in casa.
Ne scaturirà non solo la presa di coscienza di ciò che denunciamo, ma anche un serio dibattito sulla integrazione possibile a cui la nostra città e principalmente questi quartieri, non si sono mai sottratti.
Se accetterà potrà essere ospite di una famiglia del VASTO che già si è resa disponibile avendo camere e servizi adeguati e che mette a disposizione gratuitamente.
In attesa del suo riscontro la salutiamo dalla NAPOLI che non è sulle cartoline.

Comitato quartiere vasto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *