Giornalisti e tifosi del Napoli sono scettici? E allora è l’anno buono!
Luglio 11, 2018
Al Napoli non servono nè direttori generali nè sportivi, e dopo Marino, Fassone e Bigon, anche Giuntoli è prossimo ad andar via
Luglio 13, 2018

Dimaro Folgarida: scene da un matrimonio di altri tempi

Non passa un solo giorno giorno che le cronache dalla Val di Sole non raccontino delle esternazioni stravaganti, alquanto deliranti del presidente del Napoli. Sarà che a una certa età da pensione, tutti bisogna trovarsi qualcosa da fare, De Laurentiis ha deciso che il suo buen retiro dal mondo del cinema deve passarlo fra i verdi pascoli di questa amena località montana di Dimaro Folgarida, cazzeggiando qua e là  fra una chiacchierata e un tressette con i tifosi, piuttosto che partecipare e monopolizzare tutte le conferenze stampa dei protagonisti suoi dipendenti. Ormai è evidente che non ci avrà più niente da fare nel mondo del cinema visto che passa tutto il tempo nel ritiro del Napoli. Ora il tressettino, poi qualche cenetta per assaporare in compagnia di quel buongustaio di Ancelotti i prodotti autoctoni, non mancherà certamente la giornata del rafting, le serate in piazza con quel che resta di Made in sud e Guido Lembo costretto per devozione azzurra ad abbandonare per un giorno il suo fortunato locale caprese nel pieno della stagione estiva, poi immancabile l’evento improvvisato della nuova maglietta azzurra, che quest’anno abbandona colori jeansati, e camouflage, ispirandosi  a graffianti e aggressivi felini e come sempre a chiudere la gran festa paesana, il Cardinale Sepe che come ogni anno arriva in Val di Sole per fare la benedizione pre campionato e pre allertare San Gennaro affinché proteggere gli azzurri dai diavoli bianconeri, giallorossi, nerazzurri e rossoneri. In tutto questo il grande protagonista, il vero mattatore, il grande festeggiato è sempre lui, Aurelio De Laurentiis, che come un novello sposo passa in rassegna tutti i tavoli  al ristorante della cerimonia  per farsi qualche selfie, distribuire sorrisi, battutelle goliardiche, mentre la sposa è impegnata a incipriarsi il naso. Proprio come un matrimonio di altri tempi, e allora eccovi la bella location agreste, le tavolate a cantare a squarciagola, il curato di campagna, e tantissimi invitati ognuno con la classica busta da consegnare allo sposo ad ogni partitella con i taglialegna.  Chiaramente non possono mancare i fotografi che scattano e filmano ininterrottamente, tanto ormai è tutto digitale, niente più rullini e pellicole costose da sviluppare, praticamente siamo inondati ogni giorno da fotogrammi e filmati dei protagonisti azzurri, che neanche se fossero al Grande Fratello potrebbero essere così vivisezionati nell’intimo. In tutto questo ambaradan De Laurentiis è stato capace pure di vendere l’ultimo prodotto partorito dalla sua innata capacità a far soldi, inventandosi nientepopodimeno che il gelato, o meglio un semplice ghiacciolo chiamato appropriatamente Stecco Lecco, ormai un vero must dell’affolatissima tribunetta stampa. Insomma, non possiamo dire ‘stessa spiaggia stesso mare’ per citare vecchie canzoncine  perché le condizioni in altura sono tutt’altre, ma la sostanza non cambia, Bisogna solo pazientare fino al 18/19 agosto che finiscano  le chiacchiere su questa romanticissima luna di miele e finalmente si comincerà a far sul serio, e fra tanti giuramenti di amore eterno promesse più o meno mantenute, potremmo davvero constatare tutti  come evolverà questo ennesimo matrimonio azzurro. Nel frattempo solo tante chiacchiere, pettegolezzi, complimentoni a condire tutto il cerimoniale, mentre il ringalluzzito presidente accompagnerà  la sua sposa di azzurro vestita  all’altare, fra le tantissime damigelle di giornalisti dirette con occhio attento da Lombardo e Baldari, e come sempre se son rose fioriranno. Ma intanto sorbitevi l’album e il filmino  dello sposalizio, in attesa di bomboniera, e confetti.

Pit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *