Delitto Perinelli, Miano senza Stato: “Lasciateci morire senza pace”
ottobre 8, 2018
Carletto, l’allenatore perfetto per lo scudetto….
ottobre 10, 2018

‘The Affair’ Ronaldo scuote il mondo Juventus e tira fuori il peggio del giornalismo sportivo fazioso

Quest’estate nel mondo del calcio non si è fatto altro che parlare che dell’affare CR7, il trasferimento del calciatore più forte del mondo (aex equo con Messi), trasferitosi dal Real Madrid alla Juventus, ossessionata sempre più  dalla volontà di vincere finalmente la Champions, comincia a presentare i risvolti negativi di un investimento che sia in termini sportivi che di marketing si potrà rivelare un flop assoluto, paventando conseguenze micidiali in entrambi i settori che regolano la vita di un grande club/azienda di calcio. Se ne sono dette di tutti i colori sull’opportunità di acquistare a costi altissimi un calciatore che per quanto forte è inevitabilmente in parabola discendente visti i suoi 34 anni suonati, età per un calciatore equivalente a quella di un uomo di mezz’età in odore di prepensionamento. Ma Ronaldo è Ronaldo, quattro mesi fa ha comunque vinto l’ennesima Champions, reduce da una serie di successi sportivi impressionanti come nessun altro al mondo, ciononostante il tempo che passa suona una campana di allarme per tutti e anche per questo ex ragazzo oggi definitivamente uomo fatto, che cura mente e fisico da grande professionista del calcio, che sicuramente tolgono almeno tre o quattro anni alla sua età biologica, ma nessuno mai potrà sapere quando veramente ci sarà il crollo psico fisico di un atleta che comunque il meglio della sua vita professionale lo ha già raggiunto. Nemmeno lo stesso Ronaldo  potrà ritardare più di tanto quell’inevitabile declino che superata una certa soglia di tempo potrà manifestarsi da un momento all’altro. Per cui ci si chiede, se sarà stato veramente un’ottima operazione quella di puntare su un calciatore investendo cifre più che considerevoli per quattro o cinque anni di contratto a 60 milioni lordi a stagione. Si è detto e analizzato che la Juventus rientrerà della cifra tranquillamente perchè con Ronaldo il fatturato del marketing crescerà in modo esponenziale più di quanto non produca già così tanto, come negli ultimi anni di questo lungo ciclo vincente bianconero, e la tesi potrà pure essere condivisibile in teoria, ma ricordiamo che stiamo pur sempre parlando di un calciatore di 34 anni e che alla fine del suo contratto ne avrà quasi 40, inoltre bisognerà pure che la Juventus riesca a riggiungere certi obiettivi sportivi affinchè poter rientrare dei costi investiti per Ronaldo e crescere nel fatturato globale. Cosa accadrà invece se la Juventus non dovesse raggiungere l’obiettivo massimo della Champions? E cosa succederà se anche in Italia non dovesse rivincere uno scudetto gia da tutti annunciato ? Inoltre, dal punto di vista del marketing, cosa succederà se lo scandalo, più o meno vero  che ha appena investito Ronaldo dovesse ripercuotersi sia sul marketing societario che su quello del calciatore che ha contratti sponsoristici di grande rilievo causando enormi danni economici sia per Ronaldo che per la società e probabilmente anche procurando problemi alla stessa squadra costretta a convivere una situazione fortemente destabilizzata? Potrebbe diventare uno scenario apocalittico per la Juventus e non nascondiamo che potrebbe tornare anche utile alle sue avversarie, in primis il nostro Napoli, ma in questo caso si discuteva solo dell’opportunità di una società di calcio, per altro quotata in borsa, così presa da manie di grandezza di dover fare un investimento simile. A nostro avviso è stato un rischio superiore al controllo che si può avere in un mondo così mutabile come quello del calcio, dove spesso basta un infortunio, una o due partite storte, addirittura una relazione extra campo pericolosa  per vanificare tutto un progetto. dal punto di vista strettamente calcistico puntare tutto su di un solo top player, cedendone comunque un altro pr cui solo due anni fa si era investito 90 milioni quindi  di quasi uguale importanza, come fu l’acquisto di Higuain, non crediamo sia stata una scelta proriamente azzeccata soprattutto in ottica di voler vincere la Champions. Avremmo capito che club bianconero avesse  rilanciato,  aggiungendo a Higuain anche Ronaldo, ricostituendo una coppia che aveva gia giocato insieme al Real , anche perchè se fosse venuto meno uno ci sarebbe stato pur sempre l’altro a rimediare o ancor meglio poter avvalersi di entrambi i top player e lerelative prodezze, gol , ma cederne uno più giovane e comunque forte, che solo l’anno prima aveva consentito alla Juventus di vincere lo scudetto ormai quasi perso a Milano contro l’Inter ci è parso oltre che ingeneroso, ma anche un grande passo indietro.  Ronaldo sicuramente farà benissimo ma  dovrà pur sempre dimostrare di far meglio e sopperire da solo alla partenza di un grande centravanti come Higuain fra i primi al mondo nel suo ruolo. Del resto le concorrenti dirette della Juventus in champions sono tutte più attrezzate della squadra bianconera nel settore offensivo, perchè avere nella stessa squadra gente come Mbappè, Neymar e Cavani, oppure Messi, Suarez e Dembelè, piuttosto che Bale, Benzema, Modric, o anche  Aguero, Gabriel Jesus e De Bruyne Con Higuain Ronaldo e Dybala ci si sarebbe messi sullo stesso piano se non addirittura superarli, ma solo il campo dirà se la scelta sia stata giusta o sbagliata,  al momento sulla carta non si ha l’impressione di aver fatto tutto questo salto di qualità, nonostante CR7 . Per contro però, questo inizio di stagione della Juventus sta dando ragione a chi hai investito in questo senso,perchè la Juventus apparsa finora imbattibile  a parte le incertezze iniziali, e si sta dimostrando rispetto allo scorso anno anche più che brillante e convincente nel gioco, ma è pur vero che il calendario sia in campionato che in Champions ha agevolato non poco, bisognerà vedere quando i test saranno più probanti la capacità di tenuta della squadra di Allegri, soprattutto adesso che esplode con tutta la potenza mediatica questo finto o vero scandalo che ha investito Ronaldo e indirettamente la Juventus, perchè piaccia o non piaccia di danni ne farà sicuramente.  A tal proposito però non ci vogliamo cimentare a dare dei giudizi su quanto stia emergendo in questo scandalo sessuale che coinvolge Cristiano Ronaldo nelle ultime settimane con accuse, rivelazioni, documenti e quant’altro, a noi interessano le cose del campo, ma è pure inevitabile che il campo potrà essere condizionato da situazioni simili. Noi possiamo solo dire in proposito che la Juventus ha comunque fatto un investimento forse un tantino azzardato per i motivi che abbiamo già illustrato e quelli di natura privata possono solo aggiungere perplessità alla buona riuscita dell’investimento. Di sicuro, non ci piace che questi argomenti così privati per quanto scottanti vengano trattati con stupida leggerezza di parte dalle fazioni sia mediatiche che societarie, proprio perchè trattasi di problematiche private e accadute fuori da un campo di gioco e per giunta lontane da qualsiasi coinvolgimento della Juventus nella vicenda. Possiamo capire che il club bianconero debba fare di tutto per difendere il proprio investimento, ma nemmeno è giusto gridare al martirio del proprio tesserato, così come appare da certi titoli di giornali vicini al gruppo, che non condividiamo per niente. Lasciamo che si faccia chiarezza per quanto possibile, e nessuno si permetta di giudicare nè in un senso nè in un altro, perchè tutto questo con il calcio c’entra ben poco anche se è molto probabile che possa condizionare, ma in tal caso sarà solo un problema per Ronaldo e indirettamente per l’incolpevole  Juventus, però è pure vero che andrebbero evitati stupidi e antipatici schieramenti in questa vicenda, peggio ancora farà  chi inneggia al super eroe dei bambini  senza macchia e senza paura, perché Ronaldo non sara di certo un criminale ma farne un eroe dei bambini uno che ha pagato una mamma per toglierla al figlio, legittimo o illegittimo che fosse non può essere considerato tale. Quindi alla Juventus farebbero meglio ad essere più sobri e distaccati sulle vicende private di Ronaldo anche perché come non riguardano tutti noi non riguardano nemmeno alla Juventus e non sarà di certo un oneroso contratto professionale ad autorizzare la Juventus di intervenire su faccende in cui non si è minimamente coinvolti, anche perchè così facendo non si farebbe altro che peggiorare la situazione ingigantendo un caso che afferisce solo al privato, oltre che fare inutile disinformazione, stupido machismo e ignobile giornalismo. Nessuno ha ancora condannato Ronaldo, ma nessuno pure deve farne un falso eroe. E’ solo un uomo, con un talento mostruoso per il calcio, ma con le sue fragilità umane come tutti, ma nulla di più. Lasciamo che Superman resti un personaggio della fantasia, e che i martiri siano ben altri, i quali mai nominarli invano, con certi titoli sui giornali molto poco educativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *