Salvini-Le Pen, la storia come farsa: Roma Capitale dell’impero sovranista
Ottobre 8, 2018
L’OPINIONE I populisti al potere e il tradimento degli intellettuali (di Umberto Minopoli)
Ottobre 9, 2018

NUTRIZIONE Curiosità e falsi miti alimentari sulle uova!

Non è vero che le uova sono di difficile digestione, come non è vero che fanno male al fegato, anzi. Quel che è importante, è non cuocerle troppo a lungo, o eccedere nei condimenti grassi: sono questi infatti che in generale influenzano la digeribilità delle pietanze.

di Laura Dipasquale*

Le uova più economiche sono quelle provenienti da allevamenti in batteria, in cui le galline vivono in gabbia, hanno cibo e acqua in vaschette e sono stimolate a produrre uova tutto l’anno, in condizioni di luce e temperature che però falsano il loro ciclo biologico.

Spendendo un po’ di più si possono acquistare uova da galline allevate a terra, che sono allevate all’interno di capannoni, ma con illuminazione artificiale.

Migliori sono le uova da galline allevate all’aperto, in terreni recintati e attrezzati con abbeveratoi e mangiatoie.

In caso di allevamento biologico delle galline ovaiole la normativa prevede che si utilizzino mangimi privi di OGM e che siano allevate all’aperto.

Le uova fresche devono essere confezionate entro tre giorni dalla deposizione e vendute entro sette giorni. La data consigliata per il consumo è in genere di un mese dalla deposizione. Le uova vendute nella grande distribuzione devono riportare sul guscio l’identificativo costituito da numeri e lettere che indica tipologia di allevamento, comune, provincia e stato di provenienza, numero dell’allevamento e data di deposizione.

Per quanto riguarda il loro consumo, non è vero che le uova sono di difficile digestione, perché infatti se consideriamo il tempo di svuotamento dello stomaco è di circa tre ore per due uova sode, allo stesso modo di quello che occorre per una normale porzione di carne .

Piuttosto è importante, quando si cucinano le uova, non cuocerle troppo a lungo o eccedere nei condimenti grassi: sono questi infatti che in generale influenzano la digeribilità delle pietanze!

Inoltre è un’affermazione troppo generalizzata quella di dire che le uova facciano male al fegato, perché anzi contengono molte sostanze utili al corretto funzionamento del fegato stesso e con azione protettiva nei riguardi delle cellule epatiche, come i fosfolipidi (che sono costituenti essenziali di tutte le membrane cellulari), la colina (coinvolta in molte reazioni del metabolismo) e la metionina (uno degli aminoacidi essenziali, che l’uomo non è in grado di sintetizzare e deve assumere con l’alimentazione e una cui carenza può portare a problematiche epatiche).

Per cui consumare un uovo secondo le indicazioni delle Linee Guida, quindi con una frequenza di un uovo da due a quattro volte la settimana, è possibile senza problemi particolari.

Le uniche cautele devono essere seguite dalle persone con problemi di calcoli alla colecisti o infiammazioni delle vie biliari, che sono soggetti che, in generale, devono consumare con parsimonia e attenzione gli alimenti contenenti buone dosi di grassi.

 

*Laura Dipasquale – Biologa Nutrizionista
Studi: Via Raffaele Morghen n. 41 – Via Andrea d’Isernia n. 24/S – Napoli
cell: 351 9181496
e-mail: nutrizionista.lauradipasquale@gmail.com

1 Comment

  1. genfranco ha detto:

    Chiedo scusa se mi permetto, ma devo riportare quanto invece viene dichiarato da certi siti pur di DEMONIZZARE questo UOVO che è l’inizio di molte specie animali.
    http://digilander.libero.it/genfranco4/Immagini/uovamedicinafalsa.htm
    Per le pagine precedenti o le successive se non le vedi più:
    http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/pagineprecedenti.htm

    Ormai abbiamo capito tutti, chi non ha gli occhi foderati di pelle di salame, oppure chi ha una esperienza personale di salute, che la medicina è FALSA e punta sul CONTRARIO DI TUTTO pur di creare quelle paure con le quali riesce a dominare sulla intera popolazione mondiale.
    Noi però abbiamo capito questo suo punto debole, poichè non vi è proprio nulla di concreto a suffragio delle sue FALSITA’
    Uno di questi è il COLESTEROLO e le UOVA.
    Dobbiamo azitutto capire che l’UOVO è la continuazione di molte specie animali, quindi come nel liquido seminale maschile detto SPERMA o il GERME di TUTTI i vegetali al mondo, da questi tre NASCE LA VITA FUTURA.
    Quindi come abbiamo visto il contenuto necessario alla partenza della vita è formato da “ALIMENTI ESSENZIALI”.
    Per la definizione degli “ALIMENTI ESSENZIALI”
    http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/alimentiessenzialicosasono.htm

    Fissato questo, non riesco proprio a capire che il contenuto in “ALIMENTI ESSENZIALI” possa essere nocivo alla salute umana.
    Molti articoli DEMONIZZANO l’UOVO adducendo un alto contenuto in COLESTEROLO, ma questo è pienamente falso, ma anche se fosse, entrando nel corpo, il fegato dell0individuo risparmierebbe energie per AUTOPRODURNE questa quantità per raggiungere il certo fabbisogno.
    Mi è capitato articoli che oltre a demonizzare, inventano studi pur di raggiungere lo scopo di terrorizzare chi lo legge, ma noi sappiamo quanti personaggi ne traggono tanto lucro dalle FALSITA’ su questo COLESTEROLO, e non solo la medicina.
    La dimostrazione pratica è che dichiara falsi studi, in quanto non ne cita gli estremi come è normale che sia, quindi SENZA LA DOVUTA DOCUMENTAZIONE
    Quindi, dato che abbiamo certezza che il contenuto del GERME è uguale al contenuto dello SPERMA ed uguale al contenuto del tuorlo dell’UOVO, ormai abbiamo capito che raffinare i vegetali come la farina 00 togliendo il GERME, quindi gli “ALIMENTI ESSENZIALI”, quel cibo diventa MALATTIA.
    Per causare la malattia, riuscendo a farlo sui vegetali ecco che ci provano sull’UOVO.
    Quindi gente, statevi accorti, il vostro simile non perderà mai occasione per guadagnare sulla vostra sofferenza, quindi sappiatevi comportare.

    Con mia tanta soddisfazione devo riportare una mia personale esperienza DOCUMENTATA che lascerà di stucco molte persone e che conferma il ragionamento che ho inserito in molte risposte quando si parlava di COLESTEROLO ALTO.
    Mi permetto di riportarlo anche quì:
    Si sà con certezza che il COLESTEROLO è AUTOPRODOTTO dal fegato per TUTTI le specie animali.
    Lo è per un minimo dell’80%, mentre il rimanente 20% l’individuo lo preleva dal CIBO.
    Ed è proprio a quel piccolo 20% che la medicina si appiglia per ridurre questo COLESTEROLO nel sangue, consigliando di eliminare i CIBI che lo contengono, che se non si abbassa, si prescrivono le STATINE che hanno il potere di agire slla produzione del fegato, causando nel tempo i danni previsti dal foglio illustrativo.
    Si parla di formaggi dichiarati GRASSI che sono di origine animale::
    BURRO
    STRUTTO
    LARDO
    SUGNA
    SEGO
    ecc.
    LATTE e derivati
    FORMAGGI
    RICOTTE
    YOGURT
    PESCE e prodotti della pesca
    ed anche le
    UOVA (tutte le uova)
    ecc.
    Ora avendo la certezza che ad AUTOPRODURRE questo COLESTEROLO è il fegato, e dato che a dare quest’ordine è proprio il corpo dell’individuo, dato che questo corpo si sà AUTOGUARIRE e NON AUTOLESIONARSI, non riesco a pensare che questo corpo sia TANTO STUPIDO DA AUTOPRODURSI PIU’ COLESTEROLO PER DANNEGGIARSI!!!
    Ho iniziato ad ingoiare due uova ogni mattina dal novembre 2016, in ferie compreso, due uova al tegamino, ingoiando crudo il rosso, più formaggi per tutti i pasti, quindi sono rimasto molto sorpreso del valore del COLESTEROLO LDL nell’ultimo esame del sangue del 19 ottobre 2017.
    Non solo, ma anche il valore dei collegati TRIGLIGERIDI è molto ridotto.
    NON HO MAI AVUTO UN VALORE DEL COLESTEROLO COSI’ BASSO, MENTRE I TRIGLIGERIDI AUMENTATI NEGLI ULTIMI ANNI SI SONO NUOVAMENTE ABBASSATI.
    CREATININA 1.10 mg/dl        V.R. 0.66-1.25
    COLESTEROLO 168 mg/dl V.R. 45
    TRIGLIGERIDI 71 mg/dl          V.R. < 150
    SODIO 141 mmol/l V.R. 137 – 145
    POTASSIO 4.3 mmol/l          V.R. 3.5 – 5.1
    CEA 1.8 V.R. <=3 marcatore tumore
    VITAMINA D TOTALE (25-OH D) 75.0 ng/ml V.R. 30 – 100
    ACIDO FOLICO 14.60 ng/ml          V.R. 2.76 – 20
    VITAMINA B12 440.0 ng/ml V.R. 239 – 931
    http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/esamereaott2017.htm

    per tutti gli esami del passato:
    http://acidoascorbico.altervista.org/Immagini/esamisu.htm
    ciaooo Genfranco
    .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *