IL ROMANZO “Non è vero niente” di Gennaro Prisco (ottava puntata)
novembre 3, 2018
Adesso Insigne e Mertens diventino top player nelle partite che contano
novembre 3, 2018

Salvini-Isoardi, amore finito: la banalizzazione di un addio

Elisa Isoardi liquida il suo fidanzato Matteo Salvini via Instagram. I tempi sono cambiati, è vero, e bisogna aspettarsi che una emozione tanto intima come quella di un addio diventi un post, magari accompagnato da una bella foto, per rendere partecipi tutti, ma proprio tutti, anche chi non è un followers  alle convulsioni della propria anima. Funziona. In particolar modo se si è un personaggio pubblico

 

di Peppe Papa

“Grazie Matteo”, così su Instagram Elisa Isoardi ha liquidato il fidanzato, Matteo Salvini dopo una relazione durata tre anni.

Non è la prima volta che coppie celebri usano i social per dirsi addio e, anche in questo caso, il clamore mediatico amplificato dalla Rete aiuta a leccarsi le ferite di un amore finito senza intaccare il proprio appeal.

A quanto pare i motivi della rottura sono da ricercare nella “lontananza, causata dai troppi impegni di entrambi” stando a quanto confessato dalla conduttrice al settimanale ‘Chi’, anche se le malelingue sostengono che la fine del rapporto abbia a che fare con la questione delle nomine Rai. Salvini, dicono, insiste nel volere alla guida di Rai 2, Casimiro Lieto, autore del programma di cucina “La Prova del cuoco” curato nella messa in onda proprio dalla Isoardi, cosa che Fabrizio Salini, amministratore delegato della televisione di Stato, continua categoricamente ad escludere.

Comunque sia dispiace, a prescindere dai protagonisti, dovere apprendere dell’esaurirsi di un sentimento profondo tra due persone, soprattutto se avviene in maniera così coinvolgente in modalità digitale.

I tempi sono cambiati, è vero, e bisogna aspettarsi che una emozione tanto intima come quella di un addio diventi un post, magari accompagnato da una bella foto, per rendere partecipi tutti, ma proprio tutti, anche chi non è un followers  alle convulsioni della propria anima. Funziona. In particolar modo se si è un personaggio pubblico.

Insomma, in questa epoca, nell’annosa diatriba di cosa sia meglio tra l’apparire e l’essere, è la prima a trionfare e le persone si sentono compiaciute nel ritrovarsi a condividere una storia che in fondo è simile a quella di molti di loro.

Serve ad avvicinarsi all’idolo, sentirsi parte del suo mondo e considerato. In pratica un vecchio trucco dei despoti, reso ancora più inquietante dalla diffusione elettronica del ‘messaggio’, quello di diventare uomo comune, ma con una marcia in più in grado di rappresentare tutti e farne gli interessi.

Non c’è dubbio che sia la Isoardi che Salvini, pur essendosi amati alla follia, trarranno vantaggi ai fini delle loro carriere da cotanto commovente finale della loro ‘love story’, e non è una colpa.

Lei si libererà dell’ingombrante figura dell’amato che ha compromesso il successo della sua trasmissione subendo attacchi, in gran parte pretestuosi, su tutti i fronti compreso quello della precedente conduttrice e collega, Antonella Clerici. Lui, finora silente (è comprensibile), ‘martire’, uomo tutto di un pezzo, disposto a rinunciare per amore del suo Paese, a quello forse più appagante di una bella donna intelligente. Pari e patta. Così va il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *