SENZA BUSSOLA Migranti: tra ‘selfie man’, sindaci ribelli e le bacchettate di De Luca
Gennaio 9, 2019
Modello Borussia Dortmund lontano anni luce da quello del Napoli versione De Laurentiis, chi lo sostiene, è incompetente!
Gennaio 11, 2019

De Magistris: l’operazione Malta finisce in un mezzo flop

di Peppe Papa

Un viaggio inutile, appena messo piede a Malta il vicesindaco di Napoli, Enrico Panini, in missione per conto del suo capo Luigi De Magistris al fine di portare “la solidarietà ai migranti in balia del mare dal 22 dicembre, per avere un colloquio col comandante e con l’equipaggio della nave Sea Watch, nonché per prendere contatti e avere incontri con le autorità locali di Malta”, ha appreso che la questione era stata risolta e che quindi il colpo di teatro dell’Amministrazione comunale partenopea finiva in un mezzo flop. Tanto affanno per niente se ti tolgono la scena. Per cui sommessamente Panini ha fatto armi e bagagli ed è tornato indietro lasciando in loco uno del suo staff “a seguire le ultime tappe della vicenda, consapevole che l’iniziativa del sindaco ha contribuito a costruire una nuova storia e d’ora in poi la città, le città sono in campo ed indietro non si torna”. Una farsa finita male, una operazione cinica di ricerca del consenso, dai risvolti comici, che dà il segno della disperazione di una stagione politica che si avvia all’inesorabile declino, quella dell’ultimo dei Masaniello che da sette anni guida Palazzo San Giacomo.

Con la storia dell’emergenza umanitaria che aveva scatenato l’ira di alcuni sindaci italiani, a partire da quello di Palermo, Orlando il quale per primo aveva chiamato alla disobbedienza contro il Dl sicurezza, De Magistris non aveva perso tempo ad accodarsi e andare oltre la testimonianza immaginando subito una flottiglia in partenza dal Golfo per andare a recuperare i naufraghi. E su questa linea ha proseguito fino all’invio del suo vice a La Valletta al quale ha dato mandato di consegnare al comandante della nave “una importante (sic!) missiva” e favorire “la soluzione piùrapida possibile per la grave situazione umanitaria che riguarda persone fragili, bambini e donne” dicendosi poi pronto ad ospitare i migranti a Napoli “qualora la situazione non dovesse sbloccarsi”. Meglio così. Anche se a sentire Panini, una volta giunto sull’isola erano già pronte “oltre 500 imbarcazioni disponibili e 15 yacht messi a disposizione da una signora che in poche ore ha reclutato skipper da tutt’Italia (ma in numero di gran lunga superiore al bisogno). Inoltre medici, case, avvocati, volontari”. Tutto grazie “al gran cuore di un sindaco e di una intera città”. E allora, grazie assai Dema, alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *