Universiadi: De Luca, invece di fare squadra con il Comune, continua a ‘bullizzare’ l’assessore Borriello
Aprile 3, 2019
A Roma tutti leoni, dopo Empoli, solo coglioni… Un po’ di equilibrio nei giudizi non guasterebbe
Aprile 3, 2019

TEATRO COOL All’Archeo Bar la “Notte del lavoro narrato”: Amintore Fanfani e l’articolo 1 della Costituzione

Un grappolo di Parole Nomadi per la VI edizione della Notte del Lavoro Narrato, per il 30 aprile 2019. E’ ciò che offrono Cool association e l’Archeo Bar per una serata d’amicizia da vivere in compagnia prima della Festa del Lavoro.

di Gennaro Prisco

Lavoro, Notte, Narrazione, Jazz, Diritti, Generi, Vino, Amicizia, Coolture a partire dalle ore 21.00.

Protagonista della serata sarà la Costituzione italiana, l’universalità dei diritti dei lavoratori, la musica dei Nomadi Jazz, la Narrazione del Lavoro ben fatto per arricchire ancora di più l’archivio delle storie che da anni sta mettendo su il professore Vincenzo Moretti.

Nel corso della serata, che si svolgerà nel salotto creativo dell’Archeo Bar, via Mezzocannone 101 bis, Napoli, verrà presentato l’Atto Unico “Fondata sul Lavoro, Amintore Fanfani, 22 marzo 1947”, un mio testo che sarà interpretato da Gaetano Fermato e da una voce narrante che introdurrà il discorso che Amintore Fanfani tenne all’Assemblea costituente per esporre la propria elaborazione dell’Articolo Uno della Costituzione repubblicana.

Fondata sul Lavoro, appunto. Nel testo si parla di Amintore, di un Italia in bianco e nero che seppe ricostruire ciò che il fascismo e la guerra aveva ridotto in macerie. Racconta di quel Compromesso con la maiuscola che socialisti, comunisti popolari, azionisti e liberali votarono per ricucire la tela del Paese sui Principi del Diritto e del Dovere.

Nel testo si racconta come si giunge ad Amintore, al cavallo di razza della democrazia cristiana che nel 1972, a 64 anni, viene nominato Senatore a vita, la più alta onorificenza della Repubblica.

Non si nasconde nel testo che Amintore guidò nel 1974, sul campo della battaglia politica sul referendum sul divorzio, i reazionari.

Fu sconfitto dalle donne Amintore. Dalle donne che l’anno della sua nascita, nel 1908, si riunirono a Roma per parlare della loro emancipazione come soggetto di genere non inferiore al maschio.

Una figura complessa quella di Amintore Fanfani. Ma il suo discorso all’Assemblea è una elaborazione così perfetta del concetto sulla missione storica del Paese perché è la sintesi perfetta per garantire a tutti ciò che rende liberi: il lavoro.

Seguirà alla performance teatrale, una narrazione sui diritti dei lavoratori di Gianni Nughes, dirigente sindacale della Cgil di lungo corso che oggi si occupa della categoria dei servizi, del precariato diffuso, delle 28 tipologie di contratti che dall’innovazione alle pulizie fotografano una realtà non costituzionale, di sfruttamento del lavoro.

Ai partecipanti verrà chiesto di portare con sé un libro dal quale leggere un breve e significativo passaggio per favorire lo scambio di libri sul lavoro.

Chiuderanno la serata i Nomadi jazz.

Bella ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *