L’Italia a rischio default: il governo farsa che piace agli italiani pronto alla fuga
Aprile 19, 2019
Caso Insigne, tutti colpevoli, a cominciare dal calciatore e la sua famiglia, ma soprattutto dalla società incapace di gestire la comunicazione
Aprile 20, 2019

L’OPINIONE (di Umberto Minopoli) Green economy: rinnovabili, la truffa del secolo

di Umberto Minopoli

Rinnovabili: la truffa del secolo. Il costo cumulato annuo degli incentivi dati all’energia fotovoltaica è di 6,5 miliardi. Centotrenta miliardi, grosso modo, quelli impegnati nei 20 anni futuri: il più grosso e costoso intervento di “politica industriale” realizzato dall’Italia.

E’ l’equivalente del costo di due nuove linee metropolitane di 50 km ogni anno, di un treno veloce Napoli-Bari, di un’autostrada nuova di 1.200 km, ogni anno. Con la stessa cifra si sarebbe potuto garantire la messa in sicurezza di tutte le scuole di ogni ordine e grado. Si sarebbe potuto bonificare le aree contaminate, risolvere il problema dei rifiuti o quello delle emergenze del dissesto idrogeologico. E molto altro.

Il fotovoltaico ha generato un’ingordigia, una corsa agli incentivi senza precedenti. Ha ingrassato una catena di pretendenti ( dai proprietari dei terreni agli importatori delle tecnologie) che ha mobilitato la malavita. Che ha intuito l’affare del secolo. Le tecnologie rinnovabili sono state sostenute, con incentivi a pioggia, non solo, come sarebbe stato giusto, nella fase della ideazione e dello start up. Ma in tutto il ciclo del loro utilizzo. Determinando un’alterazione e un progressivo cambiamento del funzionamento del mercato elettrico.

Chi produce, con gli incentivi, energia solare vende al meglio in Borsa l’energia prodotta mettendola sul mercato a prezzo nullo e con la certezza che essa venga acquistata. Infatti la rete elettrica, essendo l’energia solare intermittente (produce solo durante le ore di sole), è obbligata a ritirare tutta l’energia da fotovoltaico in quelle ore. Dando ad essa la priorità su ogni altra fonte. Questo ha messo, con costi aggiuntivi per lo Stato, fuori mercato gli impianti convenzionali, a partire da quelli termoelettrici a gas (per i quali si sono spese ingenti somme per rinnovarli).

Tra il 2010 a oggi, la truffa del fotovoltaico ha comportato un passivo della bilancia commerciale italiana (era 2 miliardi nel 2009) di quasi 10 miliardi l’anno per i pannelli che abbiamo importato da Germania e Cina. Per ripagare gli incentivi del fotovoltaico e dell’eolico (la gran parte degli incentivi alle rinnovabili) la bolletta degli italiani è sempre aumentata. Anche quando il prezzo del gas diminuisce. Il prezzo del kwh italiano contiene infatti un extra costo ( il 90% degli extra sulla nostra bolletta ) che contiene il costo degli incentivi.

Questa “truffa da rinnovabili” e della “green economy” non ha eguali in nessuno dei paesi con cui dobbiamo competere. Ma direte: è servito a sostituire l’energia da fossili con energia rinnovabile? Macché. Eolico e fotovoltaico, dopo 10 anni di incentivi a manetta, coprono solo il 12% della nostra domanda elettrica. Tutto il resto è energia fossile (gas e petrolio) che importiamo a caro prezzo. Insomma le “rinnovabili” sono per l’Italia la truffa del secolo. Ma il mito dell’economia green, nelle modalità peccaminose dell’ingordigia degli incentivi, continua a ispirare politica, parole d’ordine e programmi. Di tutti i partiti. Rinnovabili: il più diffuso luogo comune della politica italiana. Il più costoso e il più inutile. Nelle forme sballate con cui è stato perseguito.

5 Comments

  1. Andrea Monda ha detto:

    E tutto questo mentre tutto il mondo va avanti nelle rinnovabili e ci sono paesi che puntano ad avere tutta energia rinnovabile.Incomprensibile

  2. roberto ha detto:

    Andrea Monda……mel mondo sei l’unico che crede che il mondo va e andra’ avanti con le rinnovabili e rlcordati di ripassare un poco di aritmetica ( dopo naturalmente esserti informato sui dati reali sulle rinnovabili)

  3. andrea ha detto:

    Se è per questo neanche i tedeschi sono messi bene. Stanno distruggendo gran parte del settore agricolo per installare turbine, pannelli e impianti di biogas.

  4. Castellani Alberto ha detto:

    Concordo in grandissima parte. Gravissimo poi mettere impianti fotovoltaici si terreni agricoli; appena non produrranno più saranno abbandonati, inquineranno, lasceranno terreni inutilizzabili. Io ho un impianto fotovoltaico sul lastrico solare di casa, perciò non distruggo terreni agricoli, ma: ho un vantaggio economico solo per le detrazioni fiscali, cioè perchè altri con le tasse paga per me. Quando gli impanti saranno obsoleti chi li smaltirà: i fondali marini, le campagne, il terzo mondo? Non credo di essere pessimista, solo realista, purtroppo.

  5. Renzo Riva ha detto:

    Importante sarebbe che il dr. Minopoli dicesse, secondo lui, con quali fonti si potrebbe sopperire oggi e in futuro, alle necessità elettriche delle attuali società in crescita per lasciare al passato il sottosviluppo.
    Riguardo ai tedeschi poi ci hanno dato la visione da minus habentes con la costruzione di una fra le grandi centrali a carbone del mondo da GW 2,2.
    .
    https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-08-16/ecco-grande-centrale-carbone-120647.shtml?uuid=Abyy7FPG&refresh_ce=1
    .
    Sarei curioso di sapere quale film ha visto Andrea Monda.
    .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *