Strano destino quello di Sarri, fare bene ed essere cacciato!
Giugno 2, 2019
Regionali in Campania, Neoborbonici in campo
Giugno 3, 2019

Salvini, il sovranista folle

Salvini sogna un paese che la Costituzione italiana proibisce. Ma non gli importa, tira dritto come un treno.

di Giuseppe Turani (da www.uominiebusiness.it)

La spiegazione più benevola dice che Salvini procede per inerzia: ormai schiavo del suo personaggio, il Truce cattivissimo, non riesce più a fare altro. Quelli meno generosi sostengono invece che è proprio fatto così: uno sbruffone milanese, che piace per quel misto di ignoranza e di iattanza. I più vigili dicono che in realtà Salvini non ha ancora dato il peggio di sé.

E questo peggio altro non sarebbe che portare il disavanzo italiano a livelli tali che ci butteranno fuori dalla Ue e, contemporaneamente, sarà indispensabile mettere mano ai risparmi degli italiani, cioè rapinarli. Non siamo ancora all’oro per la patria, ma non è escluso.

Tutto questo porta a dire due cose. Salvini è certamente l’uomo politico più pericoloso in circolazione e, di fatto, è il capo dei somaristi, di quelli cioè che non sanno niente e sparano scemenze ogni due per tre.

La Ue ci manda a dire che serve un’altra manovra perché il nostro deficit sta diventando eccessivo? E lui risponde con l’idea di altri 30 o 50 miliardi di disavanzo, e prega la Commissione di non rompere più le scatole.

Annuncia che andrà a Bruxelles a cambiare le cose. Peccato che conti meno del 10 per cento nel nuovo Parlamento europeo.

E dispone di una faccia di tolla invidiabile: insiste per il suo decreto sicurezza, che è ormai alla terza edizione perché le prime due erano piene di cose incostituzionali. Forse si arriverà a cinque o sei riscritture. Salvini punta a un paese dove lui non possa essere mai processato e dove lui possa fare tutto quello che gli viene in mente, cioè a una dittatura mascherata, condita di nutella e altre schifezze. Contano solo i voti, nel suo universo.

È fuori come un balcone dalla Costituzione, ma la cosa non lo preoccupa: la Costituzione è vecchia e poi mica l’ha scritta lui.

Un folle come questo nella storia della repubblica non si era mai visto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *