Renzi, un incubo per Pd e avversari: ‘one-man-show’ al Senato
Giugno 27, 2019
La colonna sonora del calciomercato è il valzer
Luglio 3, 2019

La telecamera Rai non l’inquadra mentre salta il Ponte Morandi, Di Maio si infuria

di Peppe Papa

Una dura reprimenda al direttore di Rai News24, Antonio Di Bella con l’invito perentorio a fornire spiegazioni da parte della deputata M5S e membro della Vigilanza Rai, Mirella Liuzzi su Facebook. L’accusa è quella di avere evitato deliberatamente, sospetta la parlamentare, di inquadrare Luigi Di Maio insieme alle altre autorità presenti durante la diretta della demolizione del Ponte Morandi a Genova.

“Una grave scorrettezza”, dati i tempi da Truman show che sta attraversando la politica italiana, che possono costare decimali importanti ai fini del consenso elettorale. Insomma, il dubbio amletico di Nanni Moretti su che cosa sarebbe stato meglio fare – andare alla festa, o no – per farsi notare, in questo caso non sembra abbia sfiorato l’intrepida onorevole grillina. Se non appari, non ci sei, punto. E questo è intollerabile trattandosi di un vice premier che sputa sangue per garantire al Paese il futuro di prosperità che merita, sempre in prima linea a risolvere problemi, e alle prese con un alleato scomodo come Matteo Salvini il quale, invece, ha rubato la scena ripresa dalle telecamere della Tv pubblica.

“In una giornata così importante per Genova – ha scritto la Liuzzi sul suo profilo social – è stato triste, e imbarazzante al tempo stesso, vedere il servizio di Rainews24 durante la demolizione del Ponte Morandi. Ho assistito alla diretta e non ho compreso come fosse possibile che mentre il sindaco Bucci ringraziava i ministri presenti, le telecamere di Rainews inquadrassero solo Matteo Salvini, insieme allo stesso sindaco e a Toti, tagliando completamente Luigi Di Maio”. “Si è trattata di una vera e propria scorrettezza – ha aggiunto – poiché, in situazioni come queste, è risaputo che occorre seguire i necessari accorgimenti tecnici come sanno bene gli addetti ai lavori. In qualità di membro della commissione di Vigilanza Rai, mi aspetto che il direttore di Rainews dia spiegazioni sull’accaduto”.

Non è decisamente un buon momento per il capo del Movimento alle prese con difficili vertenze sindacali – sono ben 180 i tavoli di crisi aperti al ministero dello Sviluppo -, la grana Ilva, quella Alitalia, la scomposta querelle con la famiglia Benetton. Essere ‘oscurato’ dalla Rai non è un bel segnale, soprattutto dopo aver partecipato, senza scrupoli, a una lottizzazione in stile prima Repubblica. Significa equilibri saltati e un ennesimo avviso alla resa lanciato dal suo omologo padano. Il quale lo tiene per la collottola pronto a staccare la spina in qualsiasi momento e addio sogni di gloria. Certo è brutto dover temere della propria sorte sull’accensione o meno della lucetta rossa di una telecamera, smarrendo il senso della misura istituzionale dovuta ad un’occasione che non celebrava una festa, ma l’epilogo di una drammatica vicenda che ha stroncato la vita di 43 persone. Comunque non tema Di Maio, sicuramente Rai News24 saprà rimediare, speriamo per lui non succeda quando a Taranto lo aspetteranno con i forconi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *